Mercoledì parto, destinazione Orlando – Florida, per partecipare alla Conferenza dell’ICD. Sono super contenta, emozionata e onorata. Questa conferenza è l’appuntamento annuale durante la quale si parla di disorganizzazione cronica, disturbo da accumulo e moltissimi altri argomenti. Ci saranno partecipanti da tutto il mondo e io sarò l’unica italiana! Yuppi!

Di questo ti racconterò nelle prossime puntate, ma per il momento ti racconto come ho fatto la mia valigia, e precisamente il bagaglio a mano.

Viaggio oltreoceano con solo bagaglio a mano? Si può

Mi reputo una viaggiatrice, quindi preparare la valigia è un’attività abbastanza facile. Devo dire che però è la prima volta che vado negli Stati Uniti solo con il bagaglio a mano. Ovviamente la durata del viaggio (6 giorni viaggio compreso) e la destinazione (in Florida ci sono 30 gradi, uragano permettendo) mi hanno facilitato l’impresa. Amo viaggiare leggera, e dovendo fare anche uno scalo, non imbarcare la valigia è un vantaggio e una sicurezza non trascurabile.
Ho controllato le dimensioni del bagaglio consentito, ho preso la valigia e…inizia la sfida!

Preparare la valigia passo passo.

Di solito inizio una settimana prima facendo uno schema dove inizio a scrivere i giorni di permanenza e se ci sono delle attività particolari (l’ultima sera per esempio mi hanno dato un dress code).

Poi inizio a scegliere i colori.

Per me è facile: rosso, bianco e nero. Sono i miei colori preferiti e nel mio armadio la fanno da padrone. Non è proprio una divisa, ma avere 3 colori semplifica moltissimo la scelta e gli abbinamenti.

Quindi scelgo i pantaloni, poi i top, poi giacca o maglia, scarpe, biancheria e accessori.
Di solito cerco di limitare i pantaloni (che occupano più spazio) e cambiare i sopra più spesso.

In questo modo compilo il mio schema, fino ad arrivare ad una lista di questo tipo. 

Se mi soddisfa, inizio a mettere tutto sul letto per provare gli abbinamenti e per verificare che non ci siano indumenti da lavare o da stirare. Se è tutto a posto, metto da parte la lista fino al giorno prima della partenza. (ps: ricordati di mettere la lista in valigia, così farai prestissimo a vestirti la mattina, in barba al jet lag!)

 

Ho scelto 3 paia di pantaloni (bianco, rosso e nero), 4 camicie (3 bianche e 1 nera) 3 magliette (bianca, rossa e nera); 1 giacchetta, 1 cardigan e 1 maglioncino in cotone; 3 paia di scarpe (da ginnastica per il viaggio, e due sandali); biancheria intima (12 pezzi); 1 pigiama; 1 paio di babbucce; qualche accessorio (4 collane e 2 paia di orecchini) e la mia super mitica pashmina nera che va bene sempre. Totale: 37 pezzi!  Non male, me lo dico da sola.

risultato finale

Poi passo al beauty: prodotti per la pelle, trucco, medicine, lenti a contatto. Questo in realtà è super facile perché ho un beauty sempre pronto con le cose che mi servono. Ho comperato qualche tempo fa questo beauty Ikea che ritengo essere il beauty più comodo e pratico della storia!

Di solito controllo solo che le bottigliette siano piene e che ci siano le medicine di prima necessità.
In questo caso, avendo il bagaglio a mano, sposterò i liquidi in un sacchetto trasparente.

I documenti

Senza quelli non si parte, quindi passaporto, biglietti aereo, visto, biglietti bus, navetta hotel, prenotazione hotel, assicurazione. E ovviamente i biglietti da visita!

In più, ho anche ricevuto tutto il materiale dei vari relatori, così posso seguire tutto facilmente, ascoltare e prendere meno appunti.

Tutto il resto

Il resto per me si divide in: elettricità&co; non si sa mai; i basici.

In elettricità &co ci stanno: adattatore per le prese, carica batterie di telefono e computer, auricolari, mouse, usb, computer e telefono.

I basici: occhiali da sole, i tappi per le orecchie, portafoglio e portamonete, soldi (avevo dei dollari a casa dai viaggi precedenti, e anche se preferisco sempre pagare con la carta, dall’organizzazione ci hanno detto di portare un po’ di contanti per l’acquisto di libri che i vari relatori venderanno); un quaderno per appunti, due penne, una matita e una gomma; un libro piccolo e leggero.

Non si sa mai: liquido lenti a contatto e portalenti, specchietto, fazzoletti di carta, adattatore multifunzione, caramelle e cartucce inchiostro.

Domani mattina preparo la valigia, la borsa e sono pronta per questa meravigliosa avventura!

E tu, cosa metti nel bagaglio a mano?


Trucchetto n.1: dopo aver fatto tutti gli abbinamenti, di solito metto un indumento in più (di solito un vestito) se per caso mi dovessi sporcare e quindi non potessi riutilizzare quello che avevo scelto.

Trucchetto n.2: metti tutti i documenti di viaggio in una busta abbastanza grande da poter contenere anche il passaporto, in modo da avere tutto sempre a portata di mano. Io uso questa di Tiger appena regalata per il compleanno!

Trucchetto n.3: metti in valigia una shopper in tela. Ti può servire durante la vacanza

Trucchetto n.4: usa una piccola borsa tracolla o una pochette per gli accessori elettrici: avrai una borsa in più per la sera.

Open chat